Tutti in marcia per la Pace sabato 26 gennaio

Il programma ufficiale e il cammino proposto dal settore Adulti

È ormai alle porte l’appuntamento annuale con la Marcia e Veglia della Pace, evento organizzato in occasione del Mese della Pace da Azione Cattolica diocesana, Caritas diocesana e Associazione Papa Giovanni XXIII, previsto per sabato 26 gennaio a Fano.

Anche quest’anno il tema della giornata è in sintonia con il messaggio del Papa per la 52esima Giornata Mondiale della Pace La buona politica al servizio della Pace, al quale si aggiunge il tema specifico scelto dall’Azione Cattolica che è La Pace è servita. Una pace quindi da offrire alla nostra “casa comune” e a tutti coloro che soffrono la guerra, la violenza, l’ingiustizia. Una pace da costruire insieme, anche tramite una buona politica che si adoperi per l’effettiva rimozione degli ostacoli e delle minacce alla sua realizzazione, tra cui le scandalose disuguaglianze. La pace – ci ricorda papa Francesco – è frutto di un grande progetto politico che si fonda sulla responsabilità reciproca e sull’interdipendenza degli esseri umani. Ma è anche una sfida che chiede di essere accolta giorno dopo giorno da ognuno di noi.

Punto di ritrovo per tutti i partecipanti la sede del Mercato Ittico di Fano in viale Adriatico alle ore 15:30, con un primo momento di accoglienza accompagnato dall’animazione musicale a cura della “Aqulo band”. A seguire un breve momento introduttivo e l’ascolto di una testimonianza: Alessandro Montesi, giovane fanese che ha partecipato a due progetti di cooperazione internazionale in Kenya (con “L’Africa Chiama” ONLUS) e in Ciad, condividerà la sua esperienza personale di impegno a difesa dei diritti e della dignità dei più bisognosi. La costruzione della pace passa
necessariamente attraverso la tutela dei diritti e della libertà di tutti. Per questo si è deciso di collegare il tema del messaggio con l’obiettivo numero 2 dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo Sviluppo Sostenibile: “Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Questo importante diritto sarà utilizzato per guidare la riflessione proposta a giovani e adulti durante il mese di gennaio. In particolare, vorremmo che i ragazzi si mettano in gioco diffondendo sul territorio in cui vivono l’importanza di un consumo critico e consapevole, basato sui criteri di ciò che è sano, economico ed ecologico. E si facciano promotori di una prossimità missionaria basata su scelte semplici e alla portata di tutti. Alle 16:30 i partecipanti si uniranno in corteo per le strade cittadine che dal lungomare arriverà fino alla chiesa di Santa Maria Nuova, dove ci si riunirà per un momento di preghiera guidato dal vescovo Armando. L’appuntamento, che negli ultimi anni riscuote grande partecipazione da parte della cittadinanza e delle parrocchie, ha a cuore in maniera particolare la presenza di giovani e ragazzi provenienti da tutta la Diocesi. Un impegno che trova un grande incoraggiamento proprio nelle parole del Papa e un forte invito alle istituzioni affinché si promuova “la partecipazione di ogni essere umano, in particolar modo i giovani, senza discriminazioni né disuguaglianze, rifiutando categoricamente la violenza della guerra, la proliferazione delle armi, la strategia del terrore e i discorsi politici imperniati sulla paura e la chiusura verso l’altro”, poiché “la pace si basa sul rispetto di ogni persona, qualunque sia la sua storia”.

MP

La proposta del settore Adulti

Il messaggio per la giornata mondiale della Pace del 1° gennaio di ogni anno segna per tutta l’Azione Cattolica, dai ragazzi agli adulti, il cammino del mese. Anche in vista della marcia che si svolgerà a Fano sabato 26 gennaio, gli adulti quest’anno propongono un itinerario personale che, per sette giorni, offre degli spunti di riflessione a partire dal messaggio del Papa, dal discorso del Presidente Mattarella del 31 dicembre e dal sussidio della Comunità Papa Giovanni XXIII per l’iniziativa #Iosprecozero2 (https://unpastoalgiorno.apg23.org/it/le-storie/).

Ogni giorno saranno condivisi stimoli con brevi letture e commenti, testimonianze, link di video, immagini o altro materiale, insieme alla proposta di “semi di pace”: piccoli esercizi, impegni quotidiani con l’intento di riprendere in mano un pezzettino della nostra vita e provare a gettare e donare alcuni di questi  semi a quanti incrociamo nelle nostre giornate, in modo diverso e nel modo più adatto rispetto a chi incontriamo. Un modo variegato anche quello della diffusione, a partire da quello on-line attraverso il nostro sito e la pagina Facebook, Whatsapp, ma anche attraverso i social con versioni adattate ai diversi canali, in modo da raggiungere quante più persone possibile.

Da sabato 19 a venerdì 25 gennaio Pace a questa casa, io spreco zero tempo, proviamo a fare qualche considerazione, io spreco zero vita, artigiani della pace, in gentilezza e felicizia ci aspettano per arrivare alla marcia con qualche seme in più. Di seguito tutto il materiale, nella prima pagina del sussidio ci sono le “istruzioni” per l’uso, con l’obiettivo di diffondere e coinvolgere davvero tutti.

Marco, Laura G., don Gabriele e tutta l’Equipe del settore Adulti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *