Buon compleanno ACR!

50 anni dell’ACR e 45 anni di ordinazione del vescovo Armando

Colori, volti, energia, pensieri, storia, amicizia. Sono stati questi gli ingredienti della festa di compleanno dell’ACR (Azione Cattolica dei Ragazzi), che ha tagliato il traguardo dei 50 anni. Una festa nella festa quella di venerdì 1 novembre in piazza Capuana a Fano, davanti alla parrocchia della Santa Famiglia. Non solo l’ACR, ma anche il vescovo Armando è stato festeggiato dalla Presidente dell’AC diocesana Laura Meletti, dagli educatori e dai ragazzi per i suoi 45 anni di ordinazione presbiterale.

Venerdì 1 novembre, in piazza Capuana a Fano, festa per i 50 anni dell’ACR e per il 45esimo anniversario di ordinazione presbiterale del vescovo Armando

Gioia. In tanti non sono voluti mancare a questo importante appuntamento di festa con musica e animazione, a cominciare dalla Presidente dell’Azione Cattolica diocesana Laura Meletti, Marco Bavosi vice-responsabile dell’ACR diocesana e dai vari presidenti che si sono susseguiti negli anni. Ognuno di loro ha portato una preziosa testimonianza con un solo comune denominatore: la gioia.

«Un bel momento di Chiesa – ha sottolineato Meletti – anche per la coincidenza con il sinodo dei ragazzi e il 45esimo di ordinazione sacerdotale del nostro Vescovo. Inoltre vorrei ringraziare il bellissimo gruppo di giovani che ha collaborato alla riuscita di questo momento curato, in tutto, nei minimi dettagli. Tanta energia giovane positiva, tanta voglia di esserci». Emozionato il parroco di Fano 2, don Vincenzo Solazzi, nel vedere una piazza così gremita di giovani che fanno festa insieme.

Anniversario. Presente anche l’assessore fanese Sara Cucchiarini. «È veramente un piacere essere stata invitata a questa festa e vedere così tanti ragazzi e bambini insieme. Sono momenti importanti per tutta la comunità fanese. Sono 50 anni di storia, in cui si rispettano valori, si condividono percorsi e l’Amministrazione comunale non può che essere vicino a voi in questi momenti e anniversari importanti».

Luce. Il Vescovo ha ricordato ai ragazzi, riprendendo lo slogan del sinodo Light up, l’importanza di essere luce per qualcuno. «La luce esiste – ha sottolineato il Vescovo – se illumina le situazioni. Chi è luminoso solo per sé è una lampada che brucia e che si brucia. Voi ragazzi, nelle piccole e grandi cose, sarete luce se chi è triste diventerà un po’ più felice, se chi ha difficoltà nella vita non sarà umiliato. Fate in modo che la vostra presenza possa portare un sorriso». Anche il Vescovo di Luiza, Mons. Feliciano, in visita nella nostra Diocesi, ha voluto portare il suo saluto: «Vedere crescere voi ragazzi che siete il nostro futuro dà gioia».

Festa. Durante il pomeriggio, anche Piazza Capuana di Fano 2 si è collegata con il sinodo dei ragazzi a Roma al quale hanno preso parte sei ragazzi della nostra Diocesi, accompagnati da alcuni educatori e dal responsabile dell’ACR diocesana Luca Gervasi. Un momento di comunione molto bello ed emozionante: Fano e Roma unite in unico abbraccio.

[Articolo pubblicato il 10 novembre 2019 su Il Nuovo Amico]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *